Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, o scorrendo la pagina acconsenti all’uso dei cookie.

  Attività culturali

La frittata

Avendo abbandonato la tecnica dell’ipnosi e della suggestione (una cura che si faceva prevalentemente sopra il paziente) in procinto di riaffermare che i sogni sono una via maestra per arrivare alla conoscenza dell’inconscio, Freud si affida alle già sperimentate libere associazioni - lasciarsi pensare, lasciarsi dire i pensieri, le fantasie, le immagini, le memorie, i desideri “così come viene viene”, abbandonando qualsiasi censura, considerazione razionale, sentimento di banalità e disvalore, ecc.
Dica tutto.
Ma proprio tutto? – domanda il paziente.
Certo, - risponde Freud -, come posso autorizzarla a tacere pensieri, memorie, affetti, paure di cui non so niente? Deve dirmi tutto.

(In nota di questo saggio “Inizio del trattamento” (1913, pag.345, OSF, VII), Freud è ancora più esplicitamente perentorio: “Pour faire une omelette il faut casser les oeufs”, in francese nel testo.
C’è poco da fare, amico mio: per fare una frittata bisogna proprio rompere le uova!
A cui aggiunge, a mo’ di giustificazione?, che se in una città vi fosse mai una piazza dedicata al diritto di asilo, tutte le canaglie si raggrupperebbero proprio lì!...
Le metafore sono impegnative: l’inconscio è un despota protettore di malfattori e la volontà e la coscienza devono saper abbattere il suo iniquo potere.)

Se ne fossi capace – disse il mio paziente, fresco di divano alla prima seduta, rapidamente riguadagnando la posizione a sedere e il faccia a faccia - se ne fossi capace, non avrei bisogno di lei: sono qui proprio per questo. –
Non potei che convenire, naturalmente, ma aggiunsi che non potevo esonerarlo dalla fatica di provarci. In ogni caso non l’avrei lasciato solo: avremmo osservato insieme dove, quando, come e perché il filo dei pensieri si spezza, la voce si rompe e una vaga sensazione di spiacevolezza e pericolo appesantisce il respiro.
E la cosa, sia pure con le consuete difficoltà, si avviò…

Musatti amava ripetere che Freud non fa mai esplicitamente autocritica: possiamo constatare che semplicemente rinunciò a pretendere la frittata e si dispose a interpretare resistenza e transfert, praticamente attenendosi al principio secondo il quale ciò che rimproveri non puoi interpretare, ciò che interpreti non puoi rimproverare.

Lo psicoanalista,stabiliti i criteri pratici organizzativi della cura (tempi, luoghi, appuntamenti, costi) i soli che soddisfano l’obliquità della relazione “da superiore sottoposto” (ivi,pag.422), non opera più sopra, bensì con il suo paziente, includendo se stesso nella compagnia.
Così “l’odiosa malattia può trasformarsi in una pensosa compagna di vita”.

Gino Zucchini

News

  • 1
  • 2
  • 3

Eventi per esterni

Report Eventi

report imageUna sezione dedicata ai Report sugli eventi del CPB.

Vai alla sezione

Consultazione

consulenza-infantile-thumbÈ attivo un servizio di consultazione ed informazione, il cui primo colloquio è gratuito, svolto da psicoanalisti esperti della SPI.

Informazioni

psicoemergenze

finale emilia thumbDopo il sisma del 2012 si è costituito presso il CPB un gruppo di studio e di intervento

Informazioni

SOCIAL CEPSIBO

fb gp

Cinema e psicoanalisi

cinema-e-psicoanalisi1-300x205

Lo sguardo dello psicoanalista sulla "settima arte", in un dialogo articolato tra recensioni e rassegna annuale in collaborazione con la Cineteca di Bologna

scopri di più

Spazio Libri

imgbooksRecensioni, pubblicazioni, interviste e presentazioni

scopri di più

Psiche - Dike

CANOVA 2 thumbGruppo di studio su Psicoanalisi e Legge ...

scopri di più

Arte

CLOUD GATE CHICAGO FREEArte secondo un'ottica psicoanalitica...

scopri di più

Login