Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, o scorrendo la pagina acconsenti all’uso dei cookie.

Report - Seminario di Gemma Trapanese “I fantasmi e i loro effetti speciali lungo le generazioni: dall’autentico all’identico”

(a cura di Daniela Federici)

“Solo se la mente riceve verità,
è in grado di crescere e svilupparsi.”
Meltzer

A partire dalla distinzione fra le diverse configurazioni dello spazio psichico (intrapsichico, interpsichico e transpsichico), vengono evidenziati i legami, la modalità di relazione attivata in una condizione di parziale o totale sospensione dei confini. In questo spazio di realtà psichica condivisa, investimenti pulsionali, identificazioni, meccanismi di difesa e fantasmi tendono a confluire e mescolarsi.
Attraverso l’ausilio di diverse immagini e di una situazione clinica, la Dott.ssa Trapanese evidenzia la dimensione fantasmatica che ruota intorno al corpo interno della madre – ciò che il bambino incontra come primo medium degli scambi interno-esterno così centrali per la formazione dell’Io. Dal materno come forma che custodisce e genera, si intrecciano fantasmi cannibalici e di nutrimento perpetuo, di fusione e del suo rovescio, di frammentazione e smembramento.
Nell’inconscio è quindi inclusa un’area di significazione di legame che estende l’esperienza soggettiva al di là dei suoi confini individuali e fonda la nostra capacità di esperire l’altro come co-costitutivo della nostra soggettività. Ma in quest’area di rappresentazione la psiche può essere colonizzata dai fantasmi dell’altro, trasmessi inelaborati con modalità intrusive ed esproprianti, generando identificazioni alienanti.
La trasmissione transpsichica si esprime con una funzione di appropriazione caratteristica di un uso narcisistico dell’oggetto, che ne estingue lo spazio soggettivo, annullando alterità e differenze - fra i sessi, le generazioni, fra morti e vivi, fra dentro e fuori.
Così il perturbante di una colpa o una sofferenza inespressa, il vuoto generato da un segreto che diventa ingiunzione a non dire e non sapere, producono eclissi dello psichico, nuclei intoccabili in cui oggetti mai riconosciuti non possono essere elaborati né rimossi, un regime dove tutto si mantiene nell’identico. Un tale mondo chiuso di scheletri e reliquie, contamina la vita psichica e ne sequestra la vitalità, perché il bambino, per adattarsi a questa regolazione narcisistica dell’altro, soccombe come soggetto desiderante.
La trasmissione transpsichica è quindi tutt’altra cosa da una trasmissione strutturante e accrescitiva per l’Io, perché suppone lo sfondamento dei confini e l’impossibilità per la mente di far proprio e trasformare ciò che riceve.
Il transgenerazionale è uno sviluppo patologico che concerne un compito inevaso, un inelaborato trasmesso nel condensarsi di tre generazioni che si configura come una lacuna costretta alla ripetizione, che bussa alla vita psichica dell’individuo sul quale è stata trasferita.
L’identificazione inconscia alienante la si individua nel lavoro analitico quando il paziente comincia a essere in grado di disidentificarsi, perché altrimenti è muta, incriptata ma non pertinente alla storia del soggetto, non riconducibile ai suoi ricordi. Viene in mente Freud, quando diceva: “la paziente soffre di reminiscenze”, come a lasciare uno spazio più ampio dei propri ricordi ed esperienza psichica diretta come ambito del condizionamento inconscio che può farsi fonte di sofferenza.
Disseppellendo ciò che è occultato e sostenendo il processo di disidentificazione, si ristabilisce l’ordine della temporalità, riportando la storia alla sua qualità di “passato” e riaprendo il fluire di continuità e discontinuità. Questa processualità rivela la centralità del lavoro del lutto nel processo di crescita, con la sua capacità di elaborare la mancanza che nasce dalla differenza fra sé e l’altro, condizione per la liberazione del desiderio e il costituirsi di un futuro “autentico” per il soggetto.

Daniela Federici

Febbraio 2018

 

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Eventi per esterni

  • 1
  • 2

Report Eventi

report imageUna sezione dedicata ai Report sugli eventi del CPB.

Vai alla sezione

Consultazione

consulenza-infantile-thumbÈ attivo un servizio di consultazione ed informazione, il cui primo colloquio è gratuito, svolto da psicoanalisti esperti della SPI.

Informazioni

psicoemergenze

finale emilia thumbDopo il sisma del 2012 si è costituito presso il CPB un gruppo di studio e di intervento

Informazioni

SOCIAL CEPSIBO

fb gp

Cinema e psicoanalisi

cinema-e-psicoanalisi1-300x205

Lo sguardo dello psicoanalista sulla "settima arte", in un dialogo articolato tra recensioni e rassegna annuale in collaborazione con la Cineteca di Bologna

scopri di più

Spazio Libri

imgbooksRecensioni, pubblicazioni, interviste e presentazioni

scopri di più

Psiche - Dike

CANOVA 2 thumbGruppo di studio su Psicoanalisi e Legge ...

scopri di più

Arte

CLOUD GATE CHICAGO FREEArte secondo un'ottica psicoanalitica...

scopri di più

Login